Slowd – Desky – Ventura Lambrate – Milan Design Week 2013

Slowd – Desky – Ventura Lambrate – Milan Design Week 2013

Slowd: the Revolution of the Diffused Furniture Factory. Alla design week 2013 Slowd presenta la rivoluzione del design a Chilometro Zero. Lo Studio partecipa a questa interessante iniziativa con un progetto per il rinomato Raspberry Pi.

Desky collection

Desktop cases for
Raspberry Pi Model B version 2

Desky è una particolare collezione di desktop case per il credit card computer Raspberry Pi Mobel B Version 2. In anteprima dal 9 al 14 aprile in via Ventura 5, Milano.

Orari
9 aprile 14:00-20:00
giorni successivi 10:00-20:00

Opening party
mercoledì 10 aprile dalle 20:00

Press preview
martedì 9 aprile 10:00-14:00

Cos’è e perchè Raspberry Pi

Il Raspberry Pi è un single-board computer (un calcolatore implementato su una sola scheda elettronica) sviluppato nel Regno Unito dalla Raspberry Pi Foundation. Il suo lancio al pubblico è avvenuto alla fine del mese di febbraio 2012. La fondazione prevede di distribuirlo in due versioni, al prezzo di 25 e 35 dollari statunitensi. L’idea di base è la realizzazione di un dispositivo economico, concepito per stimolare l’insegnamento di base dell’informatica e della programmazione nelle scuole del secondo e terzo mondo.

Nel 2012 più di un milione di esemplari venduti, con picchi di vendita di più di 4.000 unità giornaliere. Produrre un accessorio per il Raspberry Pi significa collaborare a un progetto che ambisce a distribuire un computer per il secondo e terzo mondo.

Cos’è Slowd

Slowd è una piattaforma che mette in relazione cliente, designer e produttore creando una filiera corta a vantaggio di tutti.
A vantaggio di tutti significa:

  • poter dare a tutti il design ad un prezzo accessibile,
  • riconoscere ai giovani designer emergenti royalties che altrimenti non riuscirebbero a percepire,
  • ridare agli artigiani il ruolo di realizzare gli oggetti che popolano le nostre case.

Slowd cerca di costruire un processo a “chilometro zero” che parte dal progetto e finisce con la sua consegna al cliente attraverso il lavoro dell’artigiano più vicino possibile alla destinazione finale del pezzo stesso.

Comunicato stampa

[attachments size=medium fields=”title,size” titletag=”h4″ docid=”2164″]